PESCA AL TONNO:

REGOLE PER I DIPORTISTI

 

Anche per i diportisti, oltre che per i pescatori professionisti, arrivano norme più severe per la cattura dei tonni rossi. Una esigenza sollecitata da regolamenti europei, a tutela di questa specie, che ora si sta estendendo a tutti i pescatori sportivi.

Tra le prime a introdurre nuove regole a riguardo è stata la Capitaneria di Porto di Pescara che con un'ordinanza del 5 novembre 2008 ha vietato la cattura e la detenzione a bordo delle barche di più di un esemplare di tonno rosso, che in ogni caso deve avere una lunghezza minima di 115 centimetri o pesare almeno 30 chilogrammi.

Sono poi stati fissati limiti di peso (5 chilogrammi o un solo esemplare) e di taglia anche per le altre specie di tunnidi cone l'ala-lunga (minimo 40 cm), la palamita (25 cm), il tonnetto (30 cm) o il tombarello (7 cm).

Ogni conduttore di unità da diporto, inoltre, in caso di cattura di tonno rosso è tenuto a comunicarlo all'autorità marittima almeno un'ora prima dell'approdo, con la radio vhf o un altro mezzo di comunicazione, indicando il punto di sbarco e l'ora stimata di arrivo.

 

Articolo tratto dalla rivista “Bolina ”